IULM e Tailoradio per il primo studio di Neuromarketing applicato alle fiere.

News

Come fare a rimanere i numeri uno nel mercato? Provando ogni giorno a fare qualcosa di nuovo: un nuovo programma radiofonico, nuovi stili di produzione editoriale, scovando nuovi artisti, sviluppando progetti tecnologici innovativi. Faticoso, ma molto, molto divertente!

iconcategoria.png

News

IULM e Tailoradio per il primo studio di Neuromarketing applicato alle fiere.

Un progetto di multisensorialità alla base della recente ricerca in occasione di VICENZAORO, la rassegna leader nel settore gioielleria.
Ven, 12/05/2017 - 11:33
A VICENZAORO, il primo studio di Neuromarketing applicato alle fiere.

Un’analisi a cura di GRS ricerca e strategia, centro di ricerche di neuromarketing dell'Università IULM Behaviour and Brain Lab e VICENZAORO, con l’obiettivo di “testare sul campo” l’efficacia di un approccio innovativo alla comunicazione durante grandi eventi e fiere.
 

Si tratta di un’applicazione concreta del Neuromarketing, un interessante e affascinante campo di ricerca che mette in contatto la comunicazione di prodotto e la scienza. Come? Sfruttando le informazioni sempre più dettagliate riguardo i processi che si attivano nell’individuo durante l’esposizione a stimoli sensoriali in uno spazio commerciale.

L’obiettivo è costruire una customer experience perfettamente calibrata e massimamente efficace, che proprio a partire dallo studio delle risposte dei visitatori ai vari stimoli, investe in determinati canali di comunicazione e determinate modalità di interazione.


Tailoradio ha quindi progettato ed  installato i sistemi di diffusione di fragranze (Oikos Modul 4), selezionando poi gli scenari di diffusione. I risultati emersi sono evidenti: attraverso l’attivazione e stimolazione sensoriale, il visitatore della fiera ha dimostrato maggiore propensione all’interazione, una più elevata predisposizione ad instaurare relazioni di business e, soprattutto, un raddoppio del tempo medio di permanenza nell’area coinvolta.
Di certo, l’utilizzo di profumazioni particolari si è confermato un driver importante per attivare processi dei visitatori a livello non-conscio, evidenziando anche diversi gradi di efficacia a seconda della fragranza selezionata.


Scienza e tecnologia quindi, ma con una costante presenza e centralità dell’esperienza umana e un interesse particolare per la soddisfazione e la fidelizzazione dei clienti. Tutti elementi chiave per arrivare ad un nuovo livello di comprensione e ottimizzazione della comunicazione e interazione all’interno di spazi commerciali.

Archivio

Categorie