Come l’E-commerce può cambiare il ruolo dei negozi.

News

Come fare a rimanere i numeri uno nel mercato? Provando ogni giorno a fare qualcosa di nuovo: un nuovo programma radiofonico, nuovi stili di produzione editoriale, scovando nuovi artisti, sviluppando progetti tecnologici innovativi. Faticoso, ma molto, molto divertente!

iconcategoria.png

News

Come l’E-commerce può cambiare il ruolo dei negozi.

Online e Offline possono e devono convivere, fino a quando la distinzione verrà superata, in favore di un sistema rafforzato dai vantaggi dell’una e dell’altra anima del Retail.
Mar, 16/05/2017 - 15:41
Come l’E-commerce può cambiare il ruolo dei negozi.
Un interessante punto di vista per rivedere il ruolo dei negozi in senso sinergico e complementare all’online, è quello di considerare gli store come punti nevralgici per tradurre in chiave “local” la proposta dell’e-commerce.
 

Questo significa considerare quanto gli utenti, pur chiedendo con forza la varietà e l’immediatezza dell’online, siano anche interessati a vivere da vicino il Brand, facendone esperienza diretta, all’interno dei punti vendita, magari in prossimità della propria abitazione. In più, il negozio, in questo nuovo paradigma, assume un ruolo di rinforzo e perfezionamento della capacità dell’e-commerce di fornire un servizio immediato.

Pensiamo infatti ai consumatori che passeranno dal volere un prodotto nell’arco di 2 giorni a sole 2 ore e a quanto la posizione dei magazzini renda spesso difficile il raggiungimento di queste performance di servizio. Tutto diventa possibile quando i negozi, distribuiti in modo strategico sul territorio, riescono a dare all’online quella presenza utile a far partire una consegna da una posizione vantaggiosa, raggiungendo il cliente in tempi estremamente ridotti.
 

L’altra linea guida per rinnovare il ruolo dei negozi passa attraverso l’utilizzo di tecnologia da portare nei punti vendita, sia per rendere indimenticabile l’esperienza d’acquisto, che per ridurre a 0 le criticità tipiche dell’ambiente In Store classico. Qualche esempio? Le file davanti alle casse, la mancanza di una linea Wi-Fi interna al negozio, la difficoltà nell’orientarsi all’interno dello store e localizzare i prodotti di interesse, la ridotta efficacia della comunicazione con cartellonistica e messaggi statici, il basso impatto dal punto di vista emozionale.

Sono solo alcuni degli elementi che hanno messo a rischio la sopravvivenza dello shopping fuori dalla Rete, ma che attraverso la progettazione e la realizzazione di soluzioni professionali per il Retail, possono far cambiare rotta, fino a portare a una perfetta convivenza dei canali online e offline. 

Archivio

Categorie